L’impatto della Brexit sulle dogane

L’impatto-della-Brexit-sulle-dogane

Data l’incertezza sulla ratifica dell’accordo di recesso per l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea e la situazione politica interna instabile in cui versa il Paese, l’ipotesi di una no-deal Brexit il 1° Novembre 2019 appare sempre più plausibile. L’uscita dell’Inghilterra dall’UE senza un accordo avrebbe senz’altro un impatto importante sulle spedizioni internazionali, sul commercio e sulle dogane. 

Per questo la Commissione Europea ha emanato una serie di misure di preparazione e di emergenza rivolte ai diversi operatori economici coinvolti, in primis gli spedizionieri doganali e le imprese europee che vendono o acquistano dal Regno Unito o movimentano merci passando per il territorio inglese.

In caso di recesso senza accordo, la circolazione delle merci tra UK e l’UE verrà considerata commercio con un Paese terzo e sarà necessario stabilire lo status doganale delle merci che entrano, escono o transitano attraverso il territorio doganale e fiscale dell’Unione e del Regno Unito, insieme alle normative relative all’IVA e alle accise. 

 

In una precedente campagna informativa finalizzata a sensibilizzare i doganalisti e le imprese UE intenzionate a mantenere rapporti commerciali con il Regno Unito su un eventuale no deal, la Commissione Europea ha invitato le aziende a seguire le seguenti procedure:

  • Valutare le capacità tecniche e umane necessarie ad adempiere alle operazioni e normative doganali, ad esempio in materia di norme sui regimi commerciali preferenziali;
  • Ottenere le varie autorizzazioni e registrazioni doganali per proseguire l’attività commerciale con il Regno Unito;
  • Consultare l’autorità doganale nazionale per verificare se sono necessari altri preparativi.

La Commissione Europea ha inoltre pubblicato una guida completa a disposizione delle imprese dell’UE, compresa una checklist in 5 punti che riassume i provvedimenti da adottare per prepararsi a un’eventuale Brexit.

In linea con le disposizioni delle autorità europee, EAAMS sta prendendo tutte le misure necessarie per garantire ai propri clienti un’assistenza completa, affidabile e competente nelle loro attività commerciali con il Regno Unito.