Iscriviti al Sistema degli Esportatori Registrati!

Ok, se sei una ditta che commercia prevalentemente con il Regno Unito, probabilmente sei un po’ confuso in questo momento. Code alla frontiera, tempi delle spedizioni che si allungano, dogane che si mettono di intralcio. La tua pazienza viene messa a dura prova. E poi c’è la questione dei dazi: il Regno Unito adesso è a tutti gli effetti un Paese extra-comunitario ed è previsto il pagamento dei dazi quanto le merci attraversano la frontiera.

L’ Agenzia delle Dogane ti offre la possibilità di scaricare almeno un po’ del peso che grava sulle tue spalle. Attraverso il Sistema degli Esportatori Registrati (REX), puoi certificare l’origine delle tue merci approfittando, così, degli accordi commerciali che la UE ha stipulato con molti Paesi esteri (accordi bilaterali) ed anche di rientrare nel Sistema delle Preferenze Generalizzate – SPG (accordi unilaterali). In questo modo, le tue merci non saranno gravate del dazio all’importazione e potrai mantenere i tuoi prezzi concorrenziali. Comodo no?

Gli operatori economici che risiedono nel territorio della Unione Europea possono certificare l’origine preferenziale delle loro merci sulla fattura o su un altro documento commerciale presentando la domanda di iscrizione presso l’ufficio territorialmente competente. Gli uffici delle dogane provvederanno alla registrazione degli esportatori nella banca dati REX. La domanda può essere presentata cartacea oppure, molto più comodamente, attraverso il Portale dell’Operatore per il REX, disponibile nell’EU Customs Trader Portal.

Nulla di complicato ma, in casi come questo, è sempre meglio affidarsi a chi conosce a fondo le regole del gioco. Il tuo doganalista può intercedere per te alla presentazione della domanda, a te sarà sufficiente fornire i documenti necessari e in pochi passaggi potrai inserire il tuo numero di registrazione sulla fattura commerciale e snellire il tuo lavoro approfittando delle preferenze tariffarie.

Chiamaci per una consulenza, tu pensa a fare solo il tuo lavoro, al resto ci pensiamo noi.